Aumentano le richieste di prestito per spese mediche

Aumentano le richieste di prestito per spese mediche

Gli italiani richiedono sempre più prestiti personali, ma adesso le priorità che spingono a presentare la domanda di credito sono diverse: aumentano i prestiti per spese mediche, consolidamento debiti e arredamento.

Ad evidenziare un cambio di rotta nei desideri dei nostri connazionali ci ha pensato solamente qualche giorno fa un interessante Osservatorio condotto da Facile.it e Prestiti.it, che si sono occupati di vagliare oltre 150.000 domande di finanziamento che sono state presentate nei primi 10 mesi di questo 2018.

Secondo l’analisi le richieste di finanziamento per sostenere le spese mediche sono cresciute a livello percentuale di più di un terzo rispetto alle ultime stime, raggiungendo il 5% contro il 3,7% che era stato registrato nel 2017. Ad evidenziare un andamento al rialzo sono anche le richieste presentate agli istituti per il consolidamento debiti che passano dal 9,5% del 2017 al 13,1% attuale.

Entrando maggiormente nel dettaglio, ragionando per numero di domande fatte nei primi 10 mesi del 2018, il primo posto è guadagnato dai prestiti auto per l’acquisto di veicoli usati che, da soli, rappresentano il 22% del totale, seguiti a ruota dai finanziamenti per la ristrutturazione casa (21%) che rispetto al passato sembrano però perdere di appeal. Variazioni su base annua anche rispetto alle somme che i clienti hanno cercato di ottenere: se da un lato hanno subito un incremento per le richieste di consolidamento debiti (+9% pari a 17.538 euro), formazione (+12% pari a 7.040 euro) e viaggi (+13%, pari a 4.692 euro), dall’altro lato si contraggono le cifre per tutta la sfera dei finanziamenti richiesti per la casa, dalla ristrutturazione (-13%, 13.281 euro) all’acquisto degli immobili (-20%, 21.025 euro).

Ma qual è l’identikit del richiedente tipo? Secondo le elaborazioni di Facile.it il profilo si posiziona sui 42 anni, grazie ad una grande rappresentatività della fascia under 35 (31,9% delle richieste totali), ed è uomo. Le richieste di prestito personale presentate dalle donne appaiono ancora piuttosto marginali (28%) e rimane abbastanza accentuata la differenza delle somme erogate, con gli uomini che in linea di massima puntano ad ottenere ben il 10% in più rispetto alle quote rosa.