Banca di Credito Sardo

Banca di Credito Sardo

La Banca di Credito Sardo nasce nel marzo del 2009 dall'integrazione delle tredici filiali di Banca CIS e delle filiali di Intesa Sanpaolo operanti in Sardegna. Secondo operatore bancario sardo ed istituto di credito di riferimento per il Gruppo Intesa Sanpaolo nella regione, questa banca è fortemente radicata nel territorio e nell'economia dell'isola, come dimostra la presenza di oltre 115 sportelli e di circa 1200 dipendenti al servizio di oltre 240.000 clienti. Dal novembre 2014, la Banca di Credito Sardo è entrata a fare parte di Intesa Sanpaolo, proponendo un'offerta ancora più ampia di prodotti a sostegno delle famiglie, delle imprese, della pubblica amministrazione e del sistema sociale.

Mutui

Mutuo Domus è la gamma di finanziamenti erogati dall'istituto di credito per l'acquisto o la ristrutturazione della casa. Mutuo Giovani, riservato agli under 35, con il piano Base Light prevede rate leggere di soli interessi per i primi anni ed è disponibile anche per i lavoratori con contratti atipici e a tutele crescenti.

Prestiti

I prestiti offerti dall'istituto mirano a soddisfare una molteplicità di esigenze. Tra i imprenditoria femminile o le piccole realtà d'impresa.

Conti

Oltre al conto di base che include nel canone la domiciliazione delle utenze e l'accredito dello stipendio o della pensione, la banca offre alla clientela Conto PerMe, il conto dinamico articolato in quattro profili e con un canone che può diminuire in base ai servizi e ai prodotti scelti. Libretto Flash e Libretto Pensione PerTe non prevedono spese di apertura e canoni periodici.

Carte

Carte di credito, carte di debito e prepagate concretizzano l'offerta della banca per gestire le spese. In particolare NextCard consente di pagare e di prelevare in Italia e all'estero, mentre Carta Superflash è la prepagata con Iban gratuita fino al compimento dei ventisei anni. CartaCredit è la carta di credito aziendale con limiti di utilizzo variabili in funzione delle esigenze del business.